COSA FARE IN CASO DI DECESSO

  • Se il decesso avviene in abitazione, chiamare esclusivamente il medico curante (non la Guardia Medica); solo lui potrà provvedere all’accertamento delle cause di morte ed alla compilazione dell’avviso di morte.
  • Se il decesso avviene in ospedale o casa di cura, le relative certificazioni sono a carico della Amministrazione dell’Ente. In nessun caso ed in nessun Istituto esistono appalti od obblighi di servirsi di determinate Imprese Funebri; in qualsiasi circostanza, la scelta dell’Impresa Funebre è esclusiva prerogativa dei familiari.

Nel solo ambito della Regione Lombardia, una volta trascorse 2 ore dal decesso, è permesso il trasporto dei defunti, a cassa aperta, dall’ospedale o casa di cura alla propria abitazione o altro luogo.

In ogni caso, questa AGENZIA provvederà immediatamente a:

  • denunciare il decesso all’Ufficiale di Stato Civile del Comune dove si è verificato il decesso, consegnando l’avviso di morte;
  • concordare orario e modalità del funerale.

Per i decessi in abitazione, è altresì prevista la visita del medico necroscopo che provvederà all’accertamento della morte. Prima di 24 ore dal decesso non è possibile né chiudere la cassa, né effettuare il trasporto a cassa chiusa o il funerale.

 

COSA NON FARE IN CASO DI DECESSO

  • Affidarsi  a chi dovesse contattarVi senza essere stato interpellato o spacciarsi per appaltatore o quant’altro.
  • Se il personale ospedaliero vi consiglia un'impresa, comunicarlo immediatamente alla Direzione Sanitaria: sta violando la legge.
  • Richiedere fin dall'inizio il cofano più costoso, i fiori più belli, senza avere metri di paragone.
  • Lasciare libertà di prezzo per il funerale all'impresa funebre.
  • Firmare documenti senza valutare cosa ci sia scritto e, tanto meno, "in bianco".
  • Andare contro la volontà espressa in vita dal familiare deceduto qualora le sue scelte non coincidessero con quelle dei familiari.

Quando il decesso avviene in una struttura sanitaria, istituto o casa di cura, è obbligatorio rivolgersi per il funerale alle imprese che eventualmente gestiscono le "camere mortuarie" di tali strutture? Assolutamente no. Tali imprese, di norma, devono fornire gratuitamente la vestizione, ma non godono di alcuna esclusiva per la fornitura del servizio funebre: la scelta dell'impresa a cui affidare l'esecuzione del funerale spetta esclusivamente ai familiari del defunto.

 

DETRAIBILITA' DELLE SPESE FUNEBRI

Le spese funebri, per un importo massimo di 1.549,37 euro per ogni decesso, sono detraibili se sostenute in dipendenza della morte di una persona che rientri tra quelle indicate nell'art. 433 del Codice Civile o si tratti di affidati o affiliati, ovverosia a causa della morte di una delle seguenti persone:

  • il coniuge
  • i figlie legittimi, legittimati, naturali, adottivi e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali
  • i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali
  • gli adottanti
  • i fratelli e le sorelle
  • i generi e le nuore
  • il suocero e la suocera



 

  Onoranze Funebri La Desiana di Procaccianti - Via XXIV Maggio, 4/a - 20033 Desio - Telefono: 0362-301646 - P.IVA 02182600961   Credits